L’ipotesi di un corpo

Fin da piccolo non ho mai avuto grande considerazione del mio corpo.
Stava lì, appeso tra la gravità e un pensiero di malinconia grumosa e una fantasia, o due, o quattordicimila.
Non facevo sport, non capivo come funzionava il mio corpo, cosa dovessi tirare per far muovere qualcosa, come concentrarmi per effettuare esattamente quel movimento richiesto. La mia attenzione era ed è sempre concentrata sul mio viso, che non è una maschera, è stata una maschera, è anche una maschera. Lo è stata, sì. Impossibile che non lo fosse.

Il mio corpo non era Soggetto.

Le membra immobili, infinite – si dice tradire le emozioni nel senso che si tradiscono perché devono rimanere celate, tradire perché è meglio di no, o tradirle per altri motivi, per non averle accuratamente espresse, con l’attenziona dovuta, per sé e per gli altri? – le membra immobili, infinite, dislessiche non tradivano niente, forse solo un movimento potenziale. Non mi sono servite se non a spostarmi da un punto A al punto A.1. Il corpo non mi apparteneva, lo percepivo, ma non era niente di me. Ricordo bene il fastidio per i peli, prepotenti. Io ero solo pensiero e depressione.

Il mio sentire sta per diventare Soggetto.

Adesso osservo i cambiamenti del mio corpo con un misto di ansia (la metto ovunque), apprensione e indifferenza, continua a non appartenermi, allo stesso tempo è un organismo che cresce per conto suo. La zona del bacino non conterrebbe nessuna vita, anche se fosse. La scurrilità della mia postura si adagia su compartimenti di senso ormai vecchi, ci si poggia languida e decrepita.
In attesa che il mio corpo diventi un segno del mio genere e del suo riconoscimento, devo ovviare usando l’abbigliamento come segno intelligibile e intuibile, per poi lasciare che sia il corpo, ma non solo, a parlare per me. Nel mentre faccio altro.

Sto diventando Soggetto.

Ma l’ipotesi rimane.

Mi mancano solo un corpo.

E un sesso.

Annunci

2 thoughts on “L’ipotesi di un corpo

  1. Pingback: L’ipotesi di un bikini | ericosìcarina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...