Gayer! Transer! Asser! La teoria del gender spaventa i genitori che vogliono essere spaventati.

Panic_titleSpero che a un certo punto questa biliosa ondata contro il gender finirà. Sono sicura che finirà, sarà una fine fisiologica. A un certo punto i genitori si stancheranno, il livello di tensione è veramente troppo alto da reggere.
Non si può passare un intero anno scolastico con il rastrello in una mano a dare la caccia ai sorci frocii, la cervicale poi si fa sentire, la pressione sale troppo e la salute ne risente.
I genitori sentono già nelle orecchie il fragore, l’impatto imminente, il tonfo grigio delle mani dei loro figli che senza essersi lavati le mani si smucinano dentro le mutande, coadiuvati dalle già sapienti mani dei loro insegnanti.

Tutto questo un giorno sarà ricordato come l’ennesimo periodo buio di intolleranza.

WCCOR1_0IV20XEAE’ talmente evidente che La crociata contro il gender sia una strumentalizzazione che quasi mi dispiace che le persone ci credano, che vengano presi per il culo in maniera così esplicita e mi dispiace che vengano tirati in mezzo i bambini che non hanno capacità di elaborare le fregnacce che vengono dette.
Non servono grandi giri di parole e grandi argomentazioni contro il puro panico dei genitori. Tutta questa faccenda è solo una questione emotiva.
Quando ero piccolo io non c’erano i politici che mettevano in guardie le famiglie della droga dentro le figurine, cioè un allarme falso mentre adesso non si fanno nessun problema a farlo.

I genitori vogliono il meglio dai loro figli, li vorrebbero proteggere da ciò che potrebbe turbarli e non vorrebbero che diventassero parte di una minoranza discriminata. Sono i genitori le vere vittime, spaventati dal nulla. Il gender spaventa perché porta una differenza e una divisione in una società di fatto poco pluralista e intollerante.

Mi immagino come la signora Mariacarla, madre ipotetica, possa districarsi tra le mille pressioni. Il gruppo genitori delle mamme che vanno in panico su Whatsapp, non proprio una piattaforma in cui sviluppare una discussione dove comunque la pressione sociale si fa sentire. Come muoversi in questo caso? Aderire senza controllare? Dissentire apertamente? Tacere? Mandare immagini di Padre Pio?

E poi dove può cercare maggiori informazioni? Di chi si fida la signora Mariacarla?
In questo senso l’aver coniato un termine nuovo ha fatto la fortuna della teoria del gender.
Se io cerco su google teoria del gender viene fuori questo, ma si sa le ricerche di google sono personalizzate e quindi questo è quello che io vedo.

gender1gender2Tutto sommato una ricerca abbastanza equilibrata. Ma di chi si deve fidare la signora Mariacarla? Andrà a leggere articoli che la smontano? Leggerà mai Wired? Saprà almeno che cos’è Wired? Di certo non andrà ad aprire Wikipink.

La Chiesa da parte sua si pone come fonte affidabile e fa leva sulla Bibbia che non ammette quasi interpretazioni. E poi comunque la signora Mariacarla non si metterebbe mai a leggere Judith Butler per capire.

Come si può aiutare la signora Mariacarla a non andare in panico e a valutare le cose serenamente se tutti vanno nel pallone? Come si può aiutare la signora Mariacarla a non fidarsi di tutto?

Chi fa propaganda contro il gender lo sa cosa va a toccare, lo sa quale retorica utilizzare, perché ancora una volta è una questione di propaganda e di retorica e di emozioni fortifortissime e non servono repliche intellettuali o argomentate. Non servono a niente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...